Chat with us, powered by LiveChat Quali sono le cause della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)?

Quali sono le cause della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)?

By MomMed | 02 August 2022 | 0 Comments


 

Panoramica

Per secoli i medici hanno cercato le cause della PCOS. Tuttavia, anche in tempi moderni, queste sono ancora piuttosto indefinite.

Tuttavia, sono state individuate diverse cause importanti. Queste vanno da quelle genetiche a quelle ormonali, tutte combinate per produrre le caratteristiche della PCOS come irsutismo, acne, infertilità, irregolarità mestruali, obesità, ecc.
In ogni caso, la soluzione al problema della PCOS risiede nella comprensione di queste cause.
 

Che cos'è la PCOS?

È un disturbo dell'apparato riproduttivo femminile che colpisce gli ormoni del ciclo sessuale, tra cui il progesterone, l'ormone luteinizzante (LH), l'ormone follicolo-stimolante (FSH), il testosterone e persino l'insulina che controlla il metabolismo degli zuccheri nel sangue.

L'effetto complessivo di queste alterazioni è l'aumento della secrezione dell'ormone sessuale maschile (androgeno), che contrasta lo sviluppo e la maturazione dei follicoli (cellule uovo) nelle ovaie e il loro successivo rilascio attraverso l'ovulazione. Ciò lascia le ovaie con ovuli immaturi e non rilasciati, che in seguito si trasformano in cavità piene di liquido.

L'aumento degli androgeni crea anche una resistenza all'insulina che provoca il rilascio di altri androgeni, oltre a problemi di metabolismo come il diabete. 


Quali sono le cause della PCOS?

Di seguito sono elencate alcune delle cause note della PCOS:
 

Genetica:

Si ritiene che, oltre ad altri fattori, una predisposizione genetica possa essere responsabile dello sviluppo della PCOS.

È possibile che i geni diano il via al ciclo di alterazioni ormonali che alla fine portano alla mancata ovulazione e allo sviluppo di cisti multiple nelle ovaie.

Alcuni studi hanno rilevato che una buona percentuale di donne affette da sindrome dell'ovaio policistico ha parenti di primo grado (madri o sorelle) che hanno avuto questa patologia.

Allo stesso modo, i familiari delle donne affette da PCOS mostrano anche la tendenza a soffrire di altre condizioni metaboliche associate a questa patologia, come il diabete, l'obesità e l'insulino-resistenza.

Sebbene l'obesità sia comune nella PCOS, non è sempre così per tutte le donne affette, il che suggerisce che ci sono altri fattori in gioco. Sembra che non esista un singolo gene responsabile della PCOS, ma piuttosto un'interazione tra una combinazione di geni. Il fatto che le persone affette da PCOS presentino spesso variazioni nella gamma dei sintomi e nell'età in cui li sviluppano dà credito a questa ipotesi.


Resistenza all'insulina:

L'insulina è prodotta dal pancreas. È l'ormone che regola il glucosio nel sangue, assicurando che la sua concentrazione sia mantenuta entro l'intervallo necessario per il normale metabolismo del glucosio.

Le donne con PCOS tendono ad avere una resistenza all'insulina. L'eccessiva secrezione di androgeni, in seguito alla perdita di controllo causata dalla riduzione dei livelli di progesterone, provoca l'insulino-resistenza. Ciò significa che le cellule del corpo non rispondono più alla funzione dell'insulina.

Il conseguente aumento della glicemia induce il pancreas a produrre sempre più insulina nel tentativo inutile di contrastare la resistenza. Questo porta a una quantità eccessiva di insulina in circolazione (iperinsulinemia).

L'insulina, che è un noto stimolatore degli ormoni sessuali maschili, aumenta ulteriormente la produzione di questi androgeni, determinando un ciclo di feedback positivo che perpetua il disturbo.

Inoltre, questi androgeni, che ormai superano le piccole quantità necessarie all'organismo femminile, finiscono per bloccare l'attività delle ovaie, provocando infertilità, irregolarità mestruali e cisti multiple nelle ovaie, oltre a irsutismo e acne.

 

Squilibrio ormonale:

Gli ormoni sessuali controllano il ciclo sessuale della donna: mestruazioni, sviluppo e maturazione degli ovuli e, successivamente, ovulazione. Quando si verifica uno squilibrio di questi ormoni, possono insorgere disturbi come la sindrome dell'ovaio policistico.

L'ormone follicolo-stimolante (FSH) controlla la maturazione degli ovuli nell'ovaio. L'ormone luteinizzante controlla l'ovulazione e aumenta anche la secrezione dell'ormone sessuale maschile, gli androgeni. Entrambi gli ormoni sono prodotti dall'ipofisi nel cervello.

Una volta avvenuta l'ovulazione, il progesterone viene prodotto dal guscio degli ovuli rilasciati. Questo controlla a sua volta il rilascio dell'ormone luteinizzante e dell'ormone follicolo-stimolante.

Nelle persone affette da PCOS, l'ovulazione non si verifica e il progesterone non viene prodotto, con conseguente perdita di controllo del rilascio dell'ormone ipofisario. Ciò comporta un'eccessiva produzione di ormone luteinizzante, che è il principale istigatore della produzione di androgeni.

L'eccessiva secrezione di androgeni si oppone allo sviluppo degli ovuli e all'ovulazione, oltre a causare insulino-resistenza. È noto che la resistenza all'insulina favorisce ulteriormente il rilascio di una quantità ancora maggiore di androgeni, poiché l'organismo secerne più insulina, che ha un effetto positivo sulla secrezione di androgeni. L'effetto finale è un ciclo di feedback positivo che perpetua lo squilibrio ormonale e quindi le caratteristiche della PCOS.


Quali sono le opzioni disponibili per chi soffre di PCOS?

Se siete una donna in età fertile e avete una delle caratteristiche della PCOS, non dovete disperare perché esistono modalità di trattamento che vi aiuteranno a concepire.

Queste sono incentrate sul contrasto dei meccanismi causali del disturbo e le modalità più importanti includono:
Perdita di peso: è stato dimostrato che migliora significativamente le possibilità di concepimento nelle donne affette da PCOS.
Farmaci: farmaci come la clonidina stimolano l'ovulazione e sono risultati in grado di aiutare le donne a concepire.
Metformina: si è visto che questo farmaco antidiabetico aiuta a controllare la glicemia e quindi l'eccessiva secrezione di insulina.

L'effetto complessivo è che l'azione stimolante dell'insulina sulla produzione eccessiva di androgeni nelle donne viene significativamente ridotta.


 

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked. *
Name
E-mail
Content
Verification code