Chat with us, powered by LiveChat 5 motivi per scegliere la posizione laterale per l'allattamento al seno

5 motivi per scegliere la posizione laterale per l'allattamento al seno

By MomMed | 28 November 2022 | 0 Comments



Prendersi cura di un bambino non è una passeggiata. Oltre all'estasi, la maternità porta con sé dolore, stanchezza e una montagna russa di emozioni. A ciò si aggiunge la nuova responsabilità dell'allattamento al seno.

La cosa peggiore è che non arriva con le vacanze. Indipendentemente dalla stanchezza, dalla malattia e dal dolore, devi essere presente per nutrire il pancino del tuo piccolo essere umano. Comprendiamo il tuo dolore di mamma. Ecco quindi tutti i dettagli sulla posizione di allattamento laterale, una posizione di allattamento per tutti i momenti difficili.
 

Come allattare nella posizione di allattamento laterale

L'allattamento laterale è una delle posizioni più comode per le madri che allattano. Per allattare in posizione laterale, sdraiatevi su un fianco con un cuscino sotto la testa. Per un migliore sostegno, si possono impilare dei cuscini dietro di sé. Per migliorare il comfort, potete mettere un cuscino tra le ginocchia.
 
Fate sdraiare il bambino di fronte a voi. Assicuratevi che la sua bocca sia allineata con il capezzolo. Potete usare il braccio sul lato inferiore per sostenere la testa o per cullare il bambino. In quest'ultimo caso, la presa può aiutarvi a tirare delicatamente il bambino verso il seno mentre lo allattate.
 
Nella posizione di allattamento laterale, a volte è necessario sostenere il seno. Si noti che non si deve portare il seno verso il bambino. Dovete piuttosto tirare il bambino verso di voi e guidarlo verso l'allattamento.
 
Per garantire un aggancio corretto, controllate che la bocca del bambino sia ben aperta. In caso contrario, accarezzategli delicatamente le guance. In questo modo, il bambino aprirà la bocca grazie alla stimolazione del riflesso di radicamento. Il riflesso di attecchimento non è altro che la capacità del neonato di seguire il tocco e di rintracciare il seno o il biberon, in pratica la sua fonte di cibo. Questo riflesso scompare automaticamente dopo i 4 mesi.
 
Una volta che il neonato si è agganciato correttamente, lasciatelo mangiare finché non è sazio. Una volta che la parte inferiore del seno si sente vuota, potete rotolare sull'altro lato e ripetere la stessa posizione per far allattare il bambino dal secondo seno. Altrimenti, potete chinarvi e offrire il secondo seno.
 
Assicuratevi però di cambiare lato solo quando un seno è completamente vuoto. L'accumulo di latte per lunghi periodi può causare ingorgo, ostruzione dei dotti e mastite.
 

Situazioni in cui la posizione laterale è più utile

1. Allattamento dopo il parto cesareo
Riprendersi da un intervento chirurgico non è un gioco da ragazzi. Inoltre, dover soddisfare continuamente le esigenze di alimentazione del bambino può essere estenuante. Dopo un parto cesareo, stare sedute per molto tempo non è comodo. La posizione laterale viene in soccorso durante l'allattamento dopo il parto cesareo.
 
In questa posizione, il bambino non si trova sopra di voi. Pertanto, si evita la pressione che altrimenti potrebbe essere esercitata sull'incisione e sulla regione del ventre. Potete comodamente sdraiarvi su un fianco, sostenere il vostro bambino e allattarlo, evitando però di sollecitare ulteriormente il punto di incisione.

2. In ospedale
L'allattamento al seno inizia immediatamente dopo poche ore dal parto. È ovvio che il parto è straziante e ci vogliono settimane per guarire. Dopo poche ore, la stanchezza offusca ancora il corpo. In queste situazioni, l'allattamento al seno può essere fatto più comodamente in posizione laterale.
 
 Alcune neomamme preferiscono allattare in posizione distesa dopo il parto. Tuttavia, se siete troppo stanche per alzarvi, il modo più semplice è quello di rotolare su un fianco, avvicinare il vostro piccolo essere umano, alzare le sponde del letto d'ospedale e iniziare ad allattare.

3. Allattare quando si è malati o stanchi
L'allattamento al seno può essere faticoso quando si è malati. Quando il vostro corpo vi ha abbandonato, può essere doloroso riuscire ad allattare frequentemente. Tuttavia, non possiamo impedirlo. Allora perché non allattare e riposare allo stesso tempo?
 
La posizione sdraiata aiuta a farlo. Anche se non siete malate e siete solo stanche o se si tratta di una poppata notturna, non dovete forzarvi a stare sedute finché il vostro bambino non è sazio. Basta sdraiarsi su un fianco e regolare il bambino per aiutarlo ad allattarsi.

4. Avete un seno grande
Quando si ha un seno grande, può essere molto scomodo trovare una posizione adatta per allattare. Se vi state chiedendo come agganciare il vostro piccolo al seno grande, vi diciamo che la posizione laterale è una delle posizioni di allattamento più comode per le madri che allattano con un seno grande.

Provatela e potreste scoprire che è la posizione perfetta per voi. Tuttavia, se avete problemi, consultate un esperto di allattamento e imparate le tecniche corrette per regolare il vostro bambino e padroneggiare il processo di allattamento.

5. Quando il bambino dorme
Tutte le neomamme sanno quanto possa essere fastidioso allattare un bambino addormentato. È stato riscontrato che nella posizione laterale i bambini addormentati tendono ad allattare più a lungo e in modo sufficiente. In altre posizioni, come quella a culla, a culla incrociata o in posizione verticale, i bambini sono troppo stretti e si addormentano a metà. La posizione laterale offre al bambino addormentato l'opportunità di nutrirsi e riposare allo stesso tempo.


 
 

Cosa tenere presente

Abbiamo appena visto come la posizione laterale sia una manna per le mamme in una pletora di situazioni. Tuttavia, c'è una cosa che dovete tenere bene a mente. Non addormentatevi mai in posizione laterale mentre allattate il vostro bambino. Se state allattando al seno quando siete malate, stanche o vi state riprendendo da un intervento chirurgico, assicuratevi di trasferire il bambino nella culla al termine della poppata.
 
Il co-sleeping durante l'allattamento spesso aumenta il rischio di SIDS (Sudden Infant Death Syndrome) per soffocamento. Pertanto, per quanto sia irresistibile addormentarsi in posizione di coccole, fate lo sforzo di trasferire il vostro piccolo nel suo spazio per dormire dopo la poppata, per la sua salute e sicurezza.
 

Conclusione

Le madri che allattano ricorrono spesso alla posizione laterale per l'allattamento al seno e trovano il comfort e la libertà che desiderano. Che sia subito dopo il parto o in un giorno particolare in cui la stanchezza vi opprime, potete provare la posizione sdraiata.
 
 Se siete state aiutate in ospedale per imparare la posizione corretta, è bene che lo facciate. In caso contrario, potete rivolgervi al vostro medico o a un esperto di allattamento per ricevere ulteriori indicazioni. Abbiate pazienza mentre la curva di apprendimento prende forma e godetevi ogni momento del vostro bellissimo viaggio.

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked. *
Name
E-mail
Content
Verification code