Chat with us, powered by LiveChat Posizioni per l'allattamento al seno dei neonati: cosa può succedere se lo si fa in modo sbagliato

Posizioni per l'allattamento al seno dei neonati: cosa può succedere se lo si fa in modo sbagliato

By MomMed | 29 November 2022 | 0 Comments



Sebbene si parli molto delle posizioni giuste per l'allattamento al seno dei neonati, quasi nessuno parla delle posizioni sbagliate e di come le cose possano andare male a causa di questi piccoli errori. Oggi siamo qui per fare proprio questo. Sì, parlare degli effetti delle posizioni di allattamento sbagliate. Ecco alcuni dei notevoli effetti che derivano da posizioni sbagliate nell'allattamento al seno. Continuate a leggere fino alla fine.
 

Il corpo diventa dolorante e affaticato

Le posizioni di allattamento per i neonati non si concentrano solo sul posizionamento del bambino. L'allattamento al seno coinvolge entrambi. Pertanto, il vostro comfort è altrettanto importante. Qualunque posizione di allattamento scegliate, assicuratevi che sia facile per il vostro corpo.
 
Sia che siate sedute in posizione eretta o sdraiate, sostenete a sufficienza la schiena e le braccia. Una cattiva postura aumenterà la tensione sul vostro corpo, rendendovi stressate e affaticate. Se non lo sapete, vi diciamo che lo stress influisce sulla produzione di latte materno.  Inoltre, una cattiva postura prolungata può portare ad altri problemi cronici nel prossimo futuro.
 

Il bambino non si aggancia correttamente

Sebbene le difficoltà di aggancio possano essere la conseguenza di alcuni problemi fisici, come capezzoli invertiti o piatti della madre, sindrome di Down, labiopalatoschisi e lingua legata nel bambino, molto spesso sono causate da posizioni errate nell'allattamento al seno.
 
Se il bambino non è a suo agio nella posizione, è troppo lontano dal seno o sente una tensione in qualsiasi parte del corpo durante l'allattamento, non si attaccherà correttamente. Un'allattamento scorretto può portare alle seguenti condizioni. Ma prima di passare alle conseguenze, vediamo i segnali che indicano una cattiva allattamento.
 
Il bambino non si sveglia per la poppata almeno 8 volte al giorno.
Il bambino appare nervoso durante la poppata
Non succhia anche dopo aver messo in bocca il capezzolo e l'areola
Si addormenta in pochi minuti durante la poppata
Continua ad attaccarsi al seno lasciando perdere il seno
Si nutre per più di mezz'ora senza mostrare segni di sazietà.

Vediamo ora cosa può succedere se il bambino è posizionato male e non si attacca bene al seno.

 

Dolore e lesioni al capezzolo

Uno dei segni più comuni di un allattamento scorretto è il dolore e la lesione del capezzolo. A causa di posizioni di allattamento inadeguate, il bambino non riesce ad attaccarsi correttamente. I problemi possono derivare dalla mancanza di un sufficiente contatto pelle a pelle tra la mamma e il bambino, dalla mancanza di sostegno al collo, alle spalle e alla colonna vertebrale del bambino, dall'eccessiva pressione sulla testa del bambino e dal fatto che il bambino deve girare la testa per attaccarsi.
 
In queste situazioni, i bambini tendono ad allattare in modo superficiale. Il capezzolo e l'areola non entrano sufficientemente in profondità nella loro piccola bocca. Di conseguenza, i capezzoli saranno irritati, la pelle sarà abrasa, si formeranno croste, sanguineranno e proveranno molto dolore.
 
Non confondete questo fenomeno con la sensibilità dei capezzoli, che è l'indolenzimento dei capezzoli che si verifica dopo l'inizio dell'allattamento. Il dolore scompare entro 30 secondi dalla suzione del bambino e non si ripresenta più dopo 4-5 giorni dalla nascita.
 
Se il capezzolo fa male durante e dopo la poppata, provate a correggere la posizione durante le poppate successive. Se ancora non serve, consultate un esperto di allattamento.
 

Ingorgo mammario e mastite

Un'allattamento scorretto significa che il bambino non si nutre bene e non svuota il seno. L'accumulo di latte nel seno può portare all'ingorgo, l'incubo delle madri che allattano. I seni ingorgati sono gonfi, duri e dolorosi. Se non viene gestita, la condizione può aggravarsi a causa dell'ostruzione dei dotti lattiferi e dell'infiammazione, con conseguente mastite, che è un'infezione dei tessuti del seno. Spesso è accompagnata da febbre, brividi e forte dolore al seno.
 

Diminuzione dell'offerta di latte

L'allattamento funziona in base alla domanda e all'offerta. Ciò significa che solo quando il seno sa che il latte è richiesto, ne produce di più. Il segnale di richiesta viene inviato al seno quando il bambino succhia.
 
Quando si allattano i neonati e questi non si agganciano correttamente, la suzione diventa inefficiente. Di conseguenza, nel corso del tempo si verifica un calo dell'offerta di latte. È quindi indispensabile consultare immediatamente il medico e scoprire perché il bambino non tira abbastanza latte.
 

Il bambino non cresce bene

L'unica fonte di nutrimento per i neonati allattati al seno è il latte materno. Se, a causa di posizioni scorrette nell'allattamento, non si nutrono a sufficienza, non c'è dubbio che questo si manifesterà sulla loro salute.
 
I bambini ben nutriti bagnano abbastanza il pannolino. Quando il bambino ha 5 giorni di vita, dovrebbe urinare 6-8 volte al giorno e passare le feci tre volte o più. Se notate una diminuzione della frequenza della minzione e dei movimenti intestinali, consideratela un segno di alimentazione insufficiente.
 
Inoltre, i bambini che non si nutrono bene non riescono a ingrassare come desiderato. È abbastanza comune che i neonati perdano peso nei primi 3-5 giorni. Ma nel giro di una o due settimane tornano al peso della nascita.
 
Se il peso del vostro bambino non si ristabilisce entro il tempo stabilito o se inizia a perdere peso invece di aumentarlo, è il momento di consultare il medico.

 

 

Cosa fare dopo?

Una volta capito che c'è qualcosa che non va nella postura dell'allattamento, è il momento di agire. Non fatevi prendere dal panico. Esistono diverse posizioni di allattamento per i neonati che potete provare. Ogni bambino è diverso. Esplorate quindi fino a trovare quella perfetta per il vostro bambino.
 
Inoltre, l'aggancio è un processo complesso. Chiedete quindi aiuto al vostro medico e a un esperto di allattamento finché non sarete abbastanza sicure. Potete anche fare affidamento su organizzazioni come La Leche League, che offrono aiuto per l'allattamento al seno in tutte le sue dimensioni. Potete anche integrare le vostre conoscenze con fonti online che forniscono consigli sorprendenti su come ottenere un'allattamento perfetto.
 

Conclusione

Tutto questo riguarda gli effetti delle posizioni sbagliate di allattamento al seno per i neonati. Se state leggendo questo articolo, avrete sicuramente capito quali sono i segni e i sintomi di un cattivo allattamento dovuto a posizioni scorrette. Se notate uno di questi sintomi, provate a scegliere una posizione migliore. La situazione migliorerà. In caso contrario, avete sempre a disposizione medici ed esperti di allattamento per aiutarvi. Rivolgetevi a loro senza esitare.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked. *
Name
E-mail
Content
Verification code