Chat with us, powered by LiveChat Le migliori posizioni per l'allattamento al seno - Segni di un buon allacciamento

Le migliori posizioni per l'allattamento al seno - Segni di un buon allacciamento

By MomMed | 01 December 2022 | 0 Comments

L'allattamento al seno è una sensazione salutare. Tuttavia, all'inizio può essere faticoso, almeno fino a quando il bambino non trova il modo perfetto per attaccarsi. In questo articolo discutiamo alcune delle migliori posizioni per l'allattamento al seno e diamo un'occhiata ai segni di una buona chiusura.
 

Le migliori posizioni per l'allattamento al seno

Ecco alcune delle posizioni di allattamento più comuni praticate dalle madri che allattano.
 
Posizione distesa
Questa posizione è molto comunemente chiamata "allattamento biologico", in quanto stimola l'istinto naturale di nutrizione del bambino. Questa posizione richiede che la madre sia semisdraiata e che il bambino sia sdraiato sopra di lei, pancia a pancia. Quando il bambino ha fame, spinge attraverso il corpo della madre e striscia verso il seno.
 
Posizione laterale
È una posizione molto rilassante per allattare. In questa posizione, la mamma e il bambino sono sdraiati su un fianco, uno di fronte all'altro, pancia contro pancia. Se siete stanche, esauste, malate o in convalescenza dopo un parto cesareo, questa può essere la posizione ideale.
 
Allattamento in posizione verticale
Come suggerisce il nome, questa posizione di allattamento richiede di posizionare il bambino in posizione verticale e in modo che stia a cavalcioni su di voi. Questa posizione è nota anche come presa del koala ed è molto adatta ai bambini più grandi.

Poiché i neonati non hanno un buon controllo del collo, in questa posizione hanno bisogno di molto sostegno. Tuttavia, se il bambino soffre di reflusso o di un'infezione all'orecchio, non c'è posizione migliore di questa.
 
Tenuta a culla
È una posizione classica dell'allattamento al seno. La madre culla il bambino nell'incavo del braccio. Se il bambino si nutre dal seno destro, si deve usare la mano destra per cullarlo e viceversa. La mano libera può essere usata per sostenere o accarezzare il corpo che si trova sul petto.
 
Questa non è certo la fine dell'elenco. Ci sono molte altre posizioni per l'allattamento al seno che dovete leggere e provare prima di scegliere. Ma ora passiamo all'argomento principale della nostra discussione di oggi: i segni di un buon allattamento.
 

Segni di una buona chiusura

Nessuna lesione al capezzolo
Le madri che allattano sono inclini a confondere la sensibilità del capezzolo con la sua lesione. La sensibilità del capezzolo è molto comune quando si inizia ad allattare. I capezzoli si sentono indolenziti per qualche secondo quando il bambino inizia a succhiare. In seguito, però, il dolore scompare e scompare del tutto quando il bambino ha raggiunto la settimana di vita.
 
Ma se il dolore al capezzolo continua per tutta la poppata, allora si tratta di una lesione al capezzolo causata da una cattiva allattamento. Pertanto, uno dei segni più significativi di una buona allattamento è che il capezzolo non fa male quando il bambino succhia.
 

Il mento del bambino tocca il seno
Quando iniziate ad allattare, assicuratevi che il mento del bambino sia la prima cosa a toccare il seno e che il suo naso si trovi all'altezza del capezzolo. Questo posizionamento garantisce un buon attacco al seno. Infatti, in questo modo il bambino può inclinare la testolina all'indietro, il che facilita la bevuta, proprio come noi pieghiamo un po' la testa mentre beviamo.
 
Inoltre, quando offrite loro il seno, fate in modo che il capezzolo tocchi il tetto della loro bocca. Se così non fosse, è il momento di riprovare. Idealmente, i capezzoli e l'areola delle madri che allattano dovrebbero trovarsi tra il palato e la lingua per consentire al bambino di premere e rilasciare il latte. Inoltre, quando il bambino tira il latte, sentirete anche la sua lingua sfiorare l'areola e il capezzolo.
 


La testa e le spalle del bambino sono allineate

Anche le migliori posizioni per l'allattamento al seno non garantiscono una corretta chiusura. Potete scegliere la posizione che ritenete più adatta. Tuttavia, la regola generale è che la testa e la spalla del bambino siano allineate.
 
Immaginate di dover girare la testa e bere sulle spalle. È dura, vero? Come può il piccolo essere umano fare così tanta fatica? Se la testa e la spalla del bambino non sono allineate, l'allattamento non è corretto. In questa posizione, non è solo il disagio a preoccupare. Dovete sapere che il bambino corre anche un rischio maggiore di inghiottire molta aria, il che può provocare un riflesso.
 


 

Non c'è solo il capezzolo nella loro bocca

Un consiglio molto importante da seguire durante l'allattamento al seno dei neonati è quello di ricordare che avere solo il capezzolo nella bocca del bambino non è segno di una buona chiusura. Il capezzolo e parte dell'areola devono entrare. Questo perché le ghiandole mammarie sono situate dietro l'areola.
 
Pertanto, quando vengono stimolate dalla suzione del bambino durante l'allattamento, il latte viene espresso. Inoltre, bisogna vedere che la maggior parte della parte inferiore dell'areola e solo una parte della parte superiore devono essere in bocca al bambino. Questa asimmetria indica che il bambino si è agganciato correttamente.
 
Un'altra cosa da controllare durante l'allattamento è che le labbra del bambino devono allargarsi come un fiore intorno al vostro seno. Se le labbra del bambino sono chiuse, interrompete l'allattamento e riprovate.
 

Sentire il bambino che succhia

Quando il bambino inizia ad allattare, si avverte una sensazione di strattone al seno. Dopo qualche volta di allattamento, sarete in grado di capire il modello di suzione del vostro bambino. Per la maggior parte dei bambini, la fase iniziale dell'allattamento è caratterizzata da frequenti suzioni per attingere il latte acquoso immagazzinato nel seno.
 
In questo modo si innesca il riflesso di discesa, grazie al quale il cervello segnala al seno di iniziare a produrre più latte. Il latte che scorre successivamente avrà una consistenza più densa, per cui si sentiranno delle suzioni intervallate da pause. Nella fase finale dell'allattamento, la frequenza delle pause aumenta perché il latte materno è più denso.
 
Un'altra cosa interessante da osservare è il suono dell'espirazione del bambino dopo ogni ingestione di latte. Inoltre, mentre succhia, si può notare il mento che si muove su e giù e la mascella e la tempia che si muovono di pari passo.
 

Conclusione

Se l'allattamento del vostro bambino soddisfa tutte le condizioni di cui abbiamo parlato, non c'è da preoccuparsi. Tuttavia, se sentite che qualcosa non va nella chiusura e volete fare un altro tentativo, mettete delicatamente un dito pulito nell'angolo della bocca. In questo modo si interromperà l'aspirazione. A questo punto potete estrarre il bambino e offrirgli di nuovo il seno.
 
La padronanza del processo di allattamento richiede un po' di tempo. Non preoccupatevi, quindi, se il vostro neonato non riesce a capire come funziona il primo giorno. Provate alcune delle migliori posizioni per l'allattamento al seno descritte sopra, parlate con il vostro medico o rivolgetevi a un esperto di allattamento. Loro hanno soluzioni per tutti i vostri problemi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked. *
Name
E-mail
Content
Verification code